Da Mompracem alla Via Lattea con Erodoto108

erodoto

Si viaggia, come no, anche nei giorni della quarantena. Si viaggia tuffandosi tra le pagine di una rivista, distesi su un divano o seduti davanti a uno schermo. Si viaggia su un tappeto volante di parole che – senza mai rinunciare alla buona compagnia di foto e disegni – a volte diventa addirittura un’astronave. 

Impresa riuscita per Erodoto108, la rivista dei luoghi e delle storie nella cui redazione, evidentemente, non manca chi deve parte della sua educazione – sentimentale? – ai romanzi di Ray Bradbury, Isaac Asimov e Philip K. Dick. Il colpo di mano è andato a segno e ora circola un numero dedicato per intero ai viaggi nello spazio. Proprio nei giorni in cui pare un sogno avventato persino una vacanza a Riccione. 

A mio parere tutto è stato architettato quando ancora la parola lockdown non aveva cominciato ad aggirarsi come un discutibile virus linguistico. In ogni caso la vera impresa è un’altra: una testata trimestrale – una non-rivista come si schernisce il suo direttore – è riuscito a pubblicare uno dietro l’altro sei numeri on line, uno a settimana. Per di più gratis, grazie al contributo di tanti giornalisti, scrittori, fotografi, illustratori. Miracoli del lockdown, davvero. 

Vedremo dopo il viaggio nello spazio cosa potrà combinare Erodoto108, in ogni caso io sono contento che per puntare su Marte sia partito dall’isola che non c’è, o che forse solo che a modo suo: Mompracem. Di sicuro la redazione è ben provvista pure di coloro che sui libri del grande Emilio si sono educati – certo che sì, anche sentimentalmente. 

Dall’isola del Borneo alla Via Lattea, passando per le Alpi dei Walser o gli Appennini dei monaci guardiani degli alberi, per la Milano fotografata da Vittore Buzzi, oppure per i disegni della quarantena di Andrea Rauch, Lido Contemori e diversi altri.

E ora? Si vedrà appunto. Però è certo che tra qualche settimana Erodoto108 ripartirà per il viaggio più difficile. Si farà di nuovo di carta – colpo di bacchetta magica o, più verosimilmente, macchina spazio-temporale – e ripartirà per le librerie italiane e per le case degli abbonati.

Il viaggio più difficile, sì. Temerario, forse imprudente, più imprevedibile di un assalto di pirati o di una pioggia di meteoriti.

Viaggio, occhio all’etimologia di una parola curiosamente presa in prestito dall’occitano. Dentro non c’è la distanza ma ciò che è necessario portare con sé.

Per Erodoto108 il necessario è evidente: tante copie prese in libreria, soprattutto tanti abbonamenti fatti e regalati. Mi raccomando, è così che il viaggio prosegue. Si tratti di un tappeto volante o di un’astronave. 

 

Quando i libri arrivano in spiaggia

bagnovenezia

Lido di Camaiore, un tardo pomeriggio di agosto. Non c’è un alito di brezza, il sudore inzuppa la camicia. Del resto sono partito due orette fa da Firenze e lì sì che era un inferno, qui almeno la vista si spalanca sul mare.

C’è tempo per una passeggiata sul lungomare. Giusto per ritrovare il bambino che ero, le villeggiature con babbo e mamma. Lunghe pigre settimane di castelli sulla spiaggia, piste per le biglie dei ciclisti, spedizioni in triciclo fino al cinema Cristallo. Effetto Amarcord, cosa è rimasto e cosa non c’è più: in questa seconda categoria anche l’edicola con i libri di Salgari in offerta e la pizzeria con i profumi del forno a legna che erano una certezza, quella era la pizza più buona del mondo.

Eccomi arrivato, giusto a due passi dal Conchiglia, l’ombrellone, le sdraio, le cabine di una volta. Questo invece è il Bagno Venezia: e se sono qui è perché sono stato invitato per l’ultima serata di Un mare di libri, rassegna curata da Demetrio Brandi in una splendida terrazza conquistata agli aperitivi e ai pianisti di evergreen con basi registrate.

Incredibile, qui si parla di libri. Incredibile c’è gente che ha scelto di regalarsi due orette così, strappandole ai giochi e ai pisolini da spiaggia. Incredibile, accanto al bar c’è persino uno scaffale per il bookcrossing: non mancano i volumi appetibili.

Finalmente si alza la brezza, il sole è un disco rosso che sta per salutare. Mica male una Versilia così, una Versilia che non è solo svacco e movida. Sarebbe bello pensare che in tanti altri bagni delle nostre coste stia succedendo qualcosa di simile: scrittori ospitati, libri che girano tra mojitos e coppe del nonno. E perché no, magari anche un gruppo di lettura volante, per un’estate sotto l’ombrellone.

In ogni caso al Bagno Venezia il libro è arrivato dove non era scontato. Festeggio con una bella birra e i piedi tuffati nella sabbia più fine.