Passieparole

Girando per l'Italia che cammina e che legge


Lascia un commento

Ne è valsa la pena, per quel segnalibro

segnalibro

Per cosa ne è valsa la pena?

Comincio a scrivere. Per una libreria che, a dispetto del nome, esiste davvero e ora saprei persino rintracciare su una carta: Atlantide. Per una cittadina come Castel San Pietro, dove succede che diverse persone decidano di cenare alla svelta e uscire di casa per sentir parlare di libri e di montagna: dal sottoscritto, poi. Per Paolo Casadio, lo scrittore che mi ha presentato, subito classificato come potenziale complice di chissà quali imprese. Per questi bravi librai il cui scaffale dei consigli è una meraviglia. Bravi anche perché alla fine mi hanno salutato con una torta di castagne e – udite, udite – con un bicchiere di cagnina – era un pezzo che non ne avevo il piacere.

Beh, anche solo per questo ne è valsa la pena, partire da Firenze nell’ora degli ingorghi, sfidare i Tir in autostrada, mettere in gioco un venerdì sera – non che avessi chissà quali alternative. Anche solo per questo.

Però soprattutto per un segnalibro. Sono passati già alcuni giorni e ancora ci penso e pensandoci mi regalo una sorta di leggerezza. È bello e mette di buon umore con i suoi colori pastello, ma soprattutto spiega una cosa importante. Perché scegliere una libreria indipendente?

Sul retro ci sono diversi buoni motivi, ognuno dei quali per me sufficiente. Perché voglio che il tessuto urbano della mia città resti vivo e animato. Perché così sostengo un’attività locale indipendente che crea lavoro sul territorio. Perché una libreria è un bel luogo da frequentare…. E via di questo passo, a dimostrazione che una libreria non è affatto solo un luogo dove si vendono i libri, ma qualcosa che può cambiare la qualità di vita di un quartiere o di una cittadina.

Però c’è una cosa ancora più bella: questo segnalibro, mi hanno spiegato, non è solo di Atlantide, è il prodotto di una rete di librerie indipendenti che, nata come comunità su Facebook, in questo modo ha battuto un primo colpo.

La parola rete mi piace immensamente: e forse esagero, non è che sia la formula magica. Però vorrei davvero che si mettessero in rete librerie, gruppi di lettura, associazioni culturali e di promozione del territorio, amici dei cammini e della montagna, insomma tutti coloro che in questo modo rendono il nostro paese un po’ migliore o, almeno, fanno sì che non peggiori di più.

Mi piacciono soprattutto le librerie. Sarà che mi ci trovo bene, sarà che è assai di più quanto mi danno che quanto da me pretendono, malgrado i miei acquisti compulsivi. Sarà che voglio bene ai librai e al loro fianco mi sento come il Sancho Panza al fianco del Don Chisciotte di turno, alle prese con i mulini a vento. Sarà che almeno loro ci sono.


Lascia un commento

Metti un festival come Libra

corezzo.JPG

Ci sono festival che mi dispiace chiamare festival, perché insomma,  i festival mi viene da classificarli sotto la voce eventi. Buoni o cattivi che siano, richiamano sempre un palcoscenico e un sipario che si apre e poi si chiude. Ci sono gli autori che parlano dei loro libri, gli artisti che si esibiscono, i presentatori e i moderatori che fanno il loro mestiere,  mentre tutti gli altri sono solo un biglietto, un posto in sala, un applauso o un mugugno.

Poi ci sono i festival che, appunto mi dispiace chiamare festival, anche se non saprei chiamarli altrimenti. Comunque sono un’altra cosa: perché ciò che conta è che alimentano una comunità di persone. Poche o tante che siano, si danno appuntamento e  ritrovandosi ritrovano anche il senso di un luogo e di un’appartenenza.

Ecco, è quello che ho sentito anche quest’anno al Libra, il festival del libro del Casentino. Quasi una provocazione, Libra: che in Casentino, di per sé un posto a parte, rifugge i luoghi più noti e accessibili, per esempio Poppi e Bibbiena, per puntare ai crinali, ai mulini e ai rifugi, ai borghi più remoti. E qui sa proporre autori che hanno molto da dire, ragionamenti di cui abbiamo bisogno come il pane, esperienze che sembrano in grado di restituirci a noi stessi.

Sono felice di aver partecipato alla seconda giornata, in programma a Corezzo, nella splendida e dimenticata Valle Santa.

E così ho camminato per quasi tre ore insieme a tanti che non conoscevo e che pure era come avessi incontrato tante altre volte:  e con loro ho condiviso frasi di Henry David Thoreau e un lungo silenzio che è suonato come un miracolo.

Ho provato gratitudine per quanto stanno facendo gli amici della Cooperativa InQuiete, insieme a un piccolo comune come Chiusi della Verna. Ho ritrovato l’odore delle caldarroste e salutato il tramonto con una birra. Ho chiacchierato di sogni e di mappe, ma soprattutto ho ascoltato. Per esempio le parole sagge di un autore come Claudio Morandini – ricordate Neve, cane, piede ?- che per essere presente è partito all’alba dalla Val d’Aosta e cambiato cinque treni. Ho conversato fitto con un amico e un ottimo scrittore come Michele Marziani, che di Libra è il direttore artistico. La lingua sciolta dal vino, ho condiviso, idee, progetti, possibilità: e vai a sapere se qualcosa non avrà gambe per camminare.

Ho gioito ritrovando amici quali Claudio Jaccarino e Paolo Vachino, con i loro acquerelli poetici. Ho abusato di tortello alla piastra e di salsicce alla griglia. Nella incredibile struttura in legno gestita dalla Pro Loco – evidentemente avvezza a questo e a ben altro – ho goduto di uno straordinario di un gruppo che sui chiamava Fireplaces – folk roots rock dal Veneto, recitava il programma – e incredibile, ha finito anch’io per ballare – non succedeva da 20 anni.

Ci sono festival che dispiace chiamare festival. Sono quelli che poi riporti a casa qualcosa, che sta a metà strada tra la nostalgia e la promessa.

libra