Passieparole

Girando per l'Italia che cammina e che legge

A Fiesole, nel mio mondo: ma scusi, lei è un camminatore?

Lascia un commento

fiesole

Chi c’era a Fiesole, nella sala del Comune, a salutare i Tre uomini a piedi che da Firenze hanno imboccato la strada per Fiesole e hanno cominciato a salire, dolcemente, tornante dopo tornante?

Certo, c’era il sindaco Anna Ravoni, con la sua esperienza di grande camminatrice. C’erano alcuni assessori e naturalmente alcuni amici. Ma anche lì, più di quanto mi aspettassi, c’era una bella fetta del mondo che ama il cammino e che è pronto a scommettere sulla Via degli Dei.

Alla rinfusa e sulla base dei pochi frammenti di conversazione che ho potuto salvare. C’era uno dei più autorevoli studiosi del tracciato della Via – con anni di passione e lavoro alle spalle. C’era il coordinatore di un gruppo di trekking del posto e uno degli animatori della Pro Loco di Fiesole – altra straordinaria realtà, quelle delle Pro Loco, volontari che si danno di fare nei borghi di Italia per promuovere i loro territori. C’erano uno o due titolari di agriturismi e bed & breakfast che hanno ben compreso il valore di questa via. C’era un gruppo di camminatori di Bagno a Ripoli che con la Via degli Dei in effetti non c’entra niente, ma che comunque hanno fatto un gran lavoro di tracciatura e ripulitura dei loro sentieri e pubblicato anche una guida che mi hanno regalato – spero di incontrarli di nuovo presto, in qualche occasione dalle loro parti.

C’era una signora con cui a lungo mi sono guardato di sottecchi – senza secondi fini, lo giuro – scommettendo che da qualche parte ci s’era già visti. E solo molte ore più tardi, su Facebook, abbiamo capito che parecchi anni fa frequentavamo lo stesso liceo – il Dante – e prendevamo lo stesso bus per rientrare a casa.

Bello che anche lei, per i suoi 50 anni, abbia fatto un cammino con le amiche: la Francigena, non la Via degli Dei, ma va bene uguale.

C’era anche una signora che dopo un’ora che chiacchieravo ha educatamente  alzato la mano e mi ha domandato: ma scusi, lei è un camminatore? Proprio così.

E io che dire? Con tutto questo e molto altro ancora sono tornato a casa felice: convinto di essere proprio nel mio mondo. Come al mattino, quando fai per partire e tutto sembra perfetto.

Un cammino che può iniziare in solitudine. Per scoprire poi che hai una moltitudine di compagni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...