Passieparole

Girando per l'Italia che cammina e che legge


Lascia un commento

In viaggio per cercare Re Artù

artù

«Mi interessa Re Artù prima che diventi verso di poeti, personaggio di romanzi, ispirazione per il cinema. Anche se è per tutto questo, in effetti, che Re Artù è Re Artù. Almeno per me: l’uomo – o l’ombra – per cui mi sono messo in viaggio.»

Un viaggio tra Galles e Cornovaglia inseguendo l’ombra di Re Artù, mito tra i più grandi e affascinanti della nostra civiltà, lungo sentieri a picco sul mare, castelli di fantasmi, antiche battaglie, isole smarrite nelle nebbie, montagne abitate da giganti.

Tra i cavalieri della Tavola Rotonda e l’eterna ricerca del Santo Graal, si riannodano i fili di vicende che parlano ai nostri giorni: perché Artù, in fondo, non è altro che l’idea di un sovrano capace di garantire pace e giustizia. Anche per questo è un mito che non muore.

Si ritrova nelle miniere abbandonate, nei pub di campagna, nei campi da rugby, in abbazie che ricordano San Galgano nella sua Toscana. E soprattutto nelle parole dei grandi della letteratura, da Thomas Malory a Mark Twain, da Chrétien de Troyes a Dylan Thomas. Fino a una città dei libri – Hay-on-Wye – che alimenta le leggende e di per se stessa è già una leggenda.


Lascia un commento

In Casentino con Libra, la buona Italia

libra

Poi si finisce con Franco Arminio che invita tutti a cantare Azzurro e di seguito una canzone dei nostri monti, solo che non ne viene in mente una e questo è un po’ scoraggiante, qualcuno azzarda Romagna mia, meno male che qualcuno che balza fuori con Maremma amara.

Franco va avanti sornione, si vede che prova gusto a coltivare i suoi lettori come un’orchestra scombinata. Ha appena spiegato che andare a visitare un paese, ascoltare i suoi vecchi, è uno degli atti più rivoluzionari che si possa fare. Ora fa cantare a tutti Bella Ciao, e la cosa non riesce male, mentre dal banco accanto iniziano a far circolare castagne e vin brulé.  

Ecco, è finita così Libra, il festival del libro del Casentino, che è una di quelle piccole grandi cose che allargano il cuore, una manifestazione vera, non calata dall’alto, architettata da sponsor e soggetti in cerca di visibilità. Vien quasi da sperare che non cresca più o cresca solo poco a poco, perché rimanga fedele a se stessa, basta già così. 

Libra porta i libri su in montagna, fa sì che si respiri profumo di carta e di bosco. Sa coinvolgere autori di grande peso – quest’anno tra gli altri Marco Aime, Bruno Arpaia e Franco Arminio, appunto – eppure vale soprattutto per la sua capacità di animare una minuscola comunità che tale si sente. Permette di ragionare di crinali e frontiere, di montagne e viaggi che abbracciano il mondo, di territorio e futuro, però poi non disdegna il sentiero da fare insieme, la notte trascorsa a chiacchiera o a riposare in canonica, i tortelli alla piastra e le grappe.

Io ci sono stato, per il terzo anno di seguito. Di mio ho portato una domenica mattina in cammino su fino a La Verna, con la storia di George Perkins Marsh, il mio ambasciatore delle foreste. Ma molto di più è ciò che mi sono portato indietro. I  ricordi – impastati già dalla malinconia per ciò che ci portiamo alle spalle – si mescolano: il dialetto romagnolo di un poeta anarchico che pare un aedo dell’Appenino o un mistico della libertà, uno sciamano della musica in grado di tirare fuori suoni da ogni cosa per catturare le anime, una formidabile lezione di antropologia sotto alberi che dondolavano alla brezza, i lucciconi improvvisi per i curdi massacrati da Erdogan, le acrobazie delle parole e dei bicchieri.

Ho ascoltato, ho detto qualcosa. Ho conosciuto persone che arrivavano dal lontano, le ho lasciate con l’idea di rivederle. Ho seminato qualche idea, qualche progetto che chissà se vedrà la luce. Per altri progetti sono stato campo che spero fertile. Andandomene ho abbracciato Paolo Vachino, il direttore artistico, Mattia Speranza e gli altri amici della cooperativa InQuiete che sono riusciti a combinare tutto questo. 

Sono riusciti a convincermi, l’Italia è un po’ meglio di quella dei miei giorni di pianura.  Sarà bello ritrovarli l’anno prossimo. 


Lascia un commento

Libra, profumo di boschi e di carta

libra

È bello, fatto con passione ma anche con competenza, ti spiazza perché non te lo aspetti in posti così: un festival del libro che in realtà è assai di più di un festival, perché non è solo una sommatoria di incontri con autori, un programma più o meno azzeccato. Piuttosto punta a riunire una comunità di persone che cercano insieme il profumo dei boschi e quello della carta. Libera i libri dall’aria pesante della città e li porta su in montagna: e in questo modo fa bene oltre che ai libri, a chi abita in montagna e a chi la montagna la può riscoprire. E giunto alla quarta edizione è la prova provata che i buoni eventi di cultura si fanno anche salendo di quota, tra vette e crinali, in prossimità di confini che sta solo a noi attraversare. 

Ecco, questo è Libra, il Casentino Book Festival, organizzato da In Quiete a Chiusi della Verna, in provincia di Arezzo, nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, e in altre località del Casentino: Corezzo, Raggiolo, Il Doccione. 

Negli anni passati è stato già scoperto da autori come, Paolo Cognetti, Tiziano Fratus, Claudio Morandini, Enrico Camanni, Sandro Campani,  Maurizio Maggiani. Quest’anno, con la direzione artistica del poeta e scrittore Paolo Vachino, annoderà i fili di altre narrazioni dedicate alla vita di vallata e di montagna, ai paesaggi fragili e indispensabili, alle memorie che sono futuro, alle difficoltà e alle opportunità dell’Appennino e delle sue comunità 

Di tutto questo si parlerà con l’antropologo Marco Aime, il paesologo Franco Arminio, gli scrittori Bruno Arpaia, Paolo Ciampi, Michele Marziani, Ivan Fantini, Paolo Merlini, Maurizio Silvestri.

Nutrito il programma  degli eventi collaterali, dai laboratori di acquerello con i pittori Claudio Jaccarino e Max Masa al concerto del sabato quest’anno affidato a Giorgio Canali (ex chitarrista dei CCCP) e alla sua band Rossosolo; dala mostra di immagini “Il bosco dentro e fuori” di Sara Brezzi; dalle escursioni in compagnia degli autori nei boschi alle cene con i prodotti rigorosamente locali.

 libra


Lascia un commento

Pietraporciana, pensare che non la conoscevo

 

pietra

Una vita che giri per la tua Toscana, potresti presumere di conoscerla, non dico come le tue tasche, ma insomma. Poi un giorno ti arriva un invito per un incontro in una riserva naturale. Pietraporciana? Suona bene, suona antico, ma non ti dice nulla. Meno male che ci sono il calore e la simpatia di chi ti invita, sa aprire la strada alla curiosità, che comunque non manca mai. Allo stesso modo del tuo Ambasciatore delle foreste, figurarsi se George Perkins Marsh si tira indietro.

Domenica d’agosto, un caldo boia, in autostrada è giorno di rientro. Devi uscire all’ultimo casello prima dell’Umbria e di lì, boh, non è chiaro, anche il navigatore stenta a raccapezzarsi. Finalmente imbocchi una strada bianca, si levano nuvole di polvere, ma non sei più distante. 

E ci sei: riserva naturale di Pietraporciana. Ad accoglierti un covone di fieno, con un fazzoletto dell’Anpi in bella vista, perché questo – scoprirai tra poco – è luogo di dure battaglie contro i nazi-fascisti, luogo di memoria e di morti che non possono essere dimenticati. 

Pochi passi ed ecco il podere, grande e squadrato, una macchia di rosa nel mare verde del bosco. Generazioni e generazioni di mezzadri lo hanno abitato, nel Novecento – apprendi – è stata proprietà della famiglia Origo, nobiltà toscana e anglosassone che si è intrecciata in una storia rara di cultura e idee liberali: scopritene di più, cercate in rete Iris Origo o villa La Foce.

Sul finire dello scorso secolo gli Origo fecero dono di questa struttura, che oggi è stata ristrutturata e data in gestione al circolo di Legambiente della zona. Ci sono un ostello gradevole e ben curato, un punto ristoro con i prodotti a km zero, un laboratorio per la didattica ambientale, una minuscola biblioteca della memoria. Si organizzano corsi ed escursioni nella splendida faggeta intorno. 

Che posto che è, e non ne avevi mai sentito parlare. Prima dell’incontro Luciana e Gaetano ti accompagnano per il sentiero che sale fino a una vista da urlo, di qua la Val di Chiana, di là la Valdorcia e il Monte Amiata. Dopo l’incontro – l’Ambasciatore si è trovato così bene che non finivi più di parlare – hai cenato e ti è sembrato di stare a casa, magari mangiando un po’ meglio che a casa.

E mentre pensavi che non finisci di scoprire un’Italia migliore di cui sapevi poco o nulla, ecco, sei già a intrecciare parole su idee e progetti. Un cammino etrusco, per esempio: non potrà che passare di qui. Le tombe antiche, l’ospitalità di oggi, cosa volere di più. 


Lascia un commento

Emozioni di parole e musica al lago Scaffaiolo

scaffaiolo4

Sulle copertine di entrambi c’è un uomo solo in cammino: certo non la sola caratteristica che accomuna L’ambasciatore delle foreste del sottoscritto con Santiago dell’amico Giuseppe Leo Leonelli. In entrambi i libri ci sono sentieri, boschi, parole che arrivano dal cuore e silenzi. Però camminare è ascoltarsi dentro, ma anche incontrare. E così eccoci in un bel fine settimana di agosto, a salire insieme per l’Appennino, eccoci a seguire il crinale tra Toscana ed Emilia fino a quella meraviglia che è il lago Scaffaiolo.

Perché anche un posto dove ci si arriva solo con le proprie gambe, un rifugio dove la vita a valle sembra di un’altra pianeta, anche questo può essere un posto per dardi appuntamento. Buono per condividere il piacere della conversazione intelligente e garbata – altro che techno music pompata in spiaggia – e addirittura per raccontare libri, per ascoltare parole e musica dal vivo.

E allora quante emozioni, lassù sul lago Scaffaiolo: l’abbraccio di Antonio e Mirco che gestiscono il rifugio  – intitolato al Duca degli Abruzzi, il primo dell’Appennino Tosco-Emiliano, da qualche anno ben ristrutturato – e le nostre letture affidate all’ultima luce del giorno. L’odore del ragù per la polenta e la musica fantastica degli Angus McOg, che sembra vengano dal Canada e invece sono di Carpi, la loro musica invece appartiene al mondo. Il lago che è uno specchio per le nuvole – sarà un quadro di Monet o di Turner? – e l’aria frizzante della sera per gli ultimi passi del giorno. 

 

scaffaiolo1

Arrivare a un rifugio, liberarsi dello zaino, respirare forte e sedersi su una panca: c’è niente di più bello? Forse sì, se ci aggiungete anche una canzone, una pagina di un libro, una birra….

E se fosse lassù, sulle cime dell’Appennino, la giusta atmosfera per i nostri libri, per la nostra musica? Per tornare migliori e più contenti alle nostre città?

Ps: quanti ragazzi, quante ragazze, per i sentieri e nelle tende che a sera si sono disposte sulle sponde del lago. Tribù giovane di muscoli indolenziti, parole sussurrate, sguardi scoccati alle prime stelle, tribù che mi fa ben sperare. 

lagoscaffaiolo

 


Lascia un commento

Tra i monti, il Masetto è un crocevia

masetto5.JPGValeva la pena, un viaggio così lungo per così poco tempo, in un fine settimana di afa e ingorghi? Da Firenze a Rovereto, quindi da Rovereto su per i monti del Trentino, attraverso la valle del Terragnolo, curva dopo curva. Come altri in questo luglio, certo, solo vuoi mettere con i loro obiettivi chiari e i programmi rilassati, evidenti già negli zaini e nei bastoncini da trekking. Il sottoscritto, invece:  perché spingersi fin quassù per presentare un  libro? Ha già girato tanto, L’ambasciatore delle foreste, forse per una volta poteva contentarsi del divano di casa.

Valeva la pena? Intanto i monti sono bellissimi, una corona di abeti e roccia intorno, l’odore delle resine e il sentimento della distanza. Poi ecco, arrivo: il Masetto, ovvero il piccolo maso, guarda la valle, è una meraviglia. Sopra i boschi e la foresteria, sotto il recinto delle capre, in mezzo un bello spiazzo con le panche e i tavoli che si capisce subito che è una bella piazza per i saluti e gli incontri, come dovrebbe essere in ogni città, in ogni quartiere, invece io la trovo qui. 

 

masetto1.JPG

Il Masetto, scopro, è assai di più di una struttura ben ristrutturata e ben tenuta. Basta gettare uno sguardo ai libri esposti – sorpresa: c’è più design che mappe di cammino, più architettura che guide sui fiori e i funghi – basta consultare il programma dell’estate oppure salire su per le scale di legno fino alle aule laboratorio, per capire che è un posto veramente particolare. Da qualche anno promuove turismo che non porta via, ma semmai lascia qualcosa che non è solo la possibilità di mandare avanti un lavoro. Mette insieme la cucina di montagna e l’editoria internazionale, l’allevamento con la divulgazione scientifica, il gioco per i bambini e la narrazione del paesaggio e altro, molte altre cose. E non sai se applaudire o invidiare Giulia e Gianni, che ne sono animatori. 

Valeva la pena? Intanto faccio conoscenza anche con Elisa e Federico della libreria Due Punti di Trento, perché tra le cose del Masetto c’è anche la presenza per il fine settimana di una libreria indipendente che propone la sua scelta di titoli e organizza incontri con gli autori, è grazie a loro se sono qui. Ci vuole niente perché scatti l’empatia. Loro sono aperti da meno di un anno, sono contenti di come è cominciata la loro avventura,  si capisce subito che mettono in gioco coraggio, competenza, entusiasmo. Per una volta mi sono dimenticato di dire che considero le librerie indipendenti dei presidi di civiltà, mi permetto la retorica perché ne sono convinto. Glielo dirò quando torno a trovarli a Trento.

 

masetto2.JPG

Valeva la pena? Intanto ascolto la presentazione di un’associazione di ragazzi e ragazze di Parma che fanno una radio web e producono una rivista – Sugli Alberi – che mi sembra particolarmente bella e originale: come gli è venuta in mente? Pare che facciano progetti insieme da una decina di anni, da quando erano sui banchi di scuola insieme. Tra loro c’è anche molta amicizia, lo scoprirò dopo a cena.

Valeva la pena? Mi sto ripetendo, sicuro, però scopro anche che in questi giorni, è ospitato Camposaz, un workshop internazionale di architettura partecipata. Giovani architetti da tutta Italia – ma anche dalla Svezia, dalla Croazia, dal Portogallo – stanno lavorando nella frazione di Geroli, semiabbandonata ma ancora con una sua comunità e una sua identità: hanno progettato installazioni negli spazi pubblici, li hanno realizzati a tempo di record, mentre tiravano su il nuovo spazio giochi o una terrazza coperta in legno hanno trovato il tempo anche per raccogliere le storie, i consigli, le merende e le grappe degli abitanti. Una bella storia di giovani professionisti, di incontro tra giovani e meno giovani, di rigenerazione di un paese di montagna, di rispetto per il paesaggio che fa ben sperare anche per la battaglia più dura che la valle si sta trovando a combattere, contro un nuovo tracciato autostradale.

masetto3.JPG

Intanto di paesaggio – e di vita di comunità tra passato e futuro – si parla anche con il geografico Mauro Varotto dell’università di padova, con Elena Turetti responsabile del distretto culturale della Val Camonica – mannaggia, prima o poi dovrò andarci – con le rappresentanti del festival Sette giorni per paesaggi di Piacenza. Idee, progetti, relazioni da cui qualcoa potrà discendere. 

Valeva la pena? Evidente che sì, sono salito in montagna e ho trovato un mondo. Mi aspettavo un maso e ho scoperto un’agorà. Temevo – e la temo ancora – un’autostrada, ma intanto ho scovato un crocevia che mi porterà altrove in Italia. L’Italia migliore, evidente, quella che non ci raccontano i telegiornali, quella che ci dà speranza, non sangue cattivo.

Valeva la pena, sì: prossima volta con più tempo da regalarmi. 


Lascia un commento

Il viaggio che nella mia Firenze non finisce mai

cittàdeilettoriCamminatore nella mia città, ma anche archeologo della mia città. I miei passi nutrono la curiosità, disseppelliscono storie.

Così mi muovo lungo il confine tra ciò che mi è ovvio e ciò che mi è nuovo. Ritrovo ciò che conoscevo, scopro ciò che ancora non conoscevo. Vedo ciò che non ho visto, ma soprattutto torno a vedere ciò che ho visto. Perché ha ragione il grande Josè Saramago, a proposito dei viaggi che non finiscono mai. A finire semmai sono i viaggiatori….

(da Paolo Ciampi, Gli occhi di Firenze, Bottega Errante)

E grazie a La città dei Lettori, magnifico festival capace di uscire la bellezza della lettura alla bellezza della mia città, che per tre volte mi ha consentito di camminare in compagnia per Firenze, scovando storie, leggendo pagine, narrando insieme una città di sguardi e sogni….